15 giugno 2024 | ore 18.00

Circolo dei Lettori
Via Bogino 9, Torino

ALMOSTING BLOOMSDAY – I 110 anni di Gente di Dublino

Un evento dedicato alla ricorrenza annuale dell’Ulisse di James Joyce, alla vita e alle sue opere. Ospiti i traduttori e critici Fabio Pedone ed Enrico Terrinoni, che conducono un flusso di coscienza tutto joyciano, con la presentazione in anteprima assoluta della loro nuova traduzione di Gente di Dublino (il Saggiatore).

intervengono FanniDada (visuals), Andrea Cavallo (musiche al pianoforte) e Davide Galipò (letture)

a cura di Cooperativa Letteraria e Spazio Parentesi
in collaborazione con Circolo dei lettori

Gente di Dublino è il grande capolavoro giovanile di James Joyce. L’opera in cui, nella forma del racconto, ha messo a punto la visionarietà che lo ha reso immortale, ora in una nuova traduzione a cura di Fabio Pedone ed Enrico Terrinoni, studiosi e traduttori di lungo corso dell’opera joyciana. 

È a Trieste, tra i suoi caffè e le sue case in affitto, che James Joyce concepisce gran parte dei quindici racconti che compongono questo libro. Ha poco più di vent’anni, e forse è il bagaglio di esperienze italiane, forse la distanza ormai maturata nei confronti del luogo natio da cui si è autoesiliato, a consentirgli un nitore e una chiarezza di dettagli che renderà la sua opera eterna: un nodo di atmosfere, strade, respiri ed esistenze, capaci di palpi tare come un solo animale sulla pagina. Quelle dei dublinesi qui narrate sono esistenze banali, di personaggi in carne e ossa ma anche simbolo dell’umanità tutta. Vite che affrontano enormi ambizioni e tragedie silenziose, lo svelamento delle false promesse della religione e la vertigine dell’impossibilità, nella maggior parte dei casi, di trovare un senso agli eventi. Esistenze trafitte da una rivelazione che non lascia scampo e da cui non si può tornare indietro. È così per Polly, che è costretta ad attendere seduta sul letto il ritorno della madre, andata a chiedere all’uomo con cui ha una relazione segreta di sposarla; è così per Eveline, che all’ultimo momento non trova la forza di abbandonare tutto e salire con l’uomo che ama sulla nave in partenza per Buenos Aires; è così per Gabriel in «The Dead» (titolo tradotto qui per la prima volta con «Il morto»), che guarda la neve ricoprire la città e l’Irlanda intera mentre constata la propria fine interiore. 

Ognuno di questi racconti è un ritratto senza eguali della forza vitale umana nella sua lotta contro la paralisi delle convenzioni sociali: una presa di coscienza attraverso la letteratura della nostra condizione di esseri senza grazia, che pur relegati nell’ombra continuano ostinatamente a desiderare.

SOSTIENI LE ATTIVITÀDI COOPERATIVA LETTERARIA